IL BENEVENTO ESPUGNA ANCHE LIVORNO E CONQUISTA IL TITOLO DI CAMPIONE D’INVERNO CON 3 GIORNATE DI ANTICIPO

15.12.2019 02:37 di Gerardo De Ioanni   Vedi letture
IL BENEVENTO ESPUGNA ANCHE LIVORNO E CONQUISTA IL TITOLO DI CAMPIONE D’INVERNO CON 3 GIORNATE DI ANTICIPO

Con un gol per tempo, Kragl al 13’ e Letizia a cinque dal novantesimo, il Benevento regola il Livorno e conquista in un colpo solo la quarta vittoria consecutiva, la prima al “Picchi” e il titolo di Campione d’inverno, con ben tre giornate di anticipo: non era mai successo prima nell’era dei tre punti. Difatti, con la sconfitta del Cittadella ad Ascoli, solo il Pordenone potrebbe agganciare i giallorossi, ma non superarli.

Quella andata in scena sul rettangolo verde dell’“Armando Picchi” è una partita dai due volti. Molto bene la Strega nella prima frazione, quando oltre al gol di Kragl, realizzato sugli sviluppi di un calcio d’angolo sulla falsa riga di quello messo a segno da Viola nel derby con la Salernitana, gli uomini di Inzaghi vanno più volte vicini al raddoppio, soprattutto con Coda, senza però trovare la via della rete.

Nel secondo tempo, un po’ per demeriti di Maggio e compagni che diminuiscono il tono della loro prestazione e un po’ per merito dei toscani che aumentano i giri del loro motore, il tema della partita cambia. I padroni di casa occupano con maggior continuità e pericolosità la metà campo sannita, andando anche vicino al pari nel primo quarto d’ora della ripresa. Il leggero predominio amaranto, sebbene sterile, induce Inzaghi a rafforzare la linea difensiva, con l’ingresso di Tuia per Kragl; linea che passa così a cinque, con Maggio e Letizia più liberi di offendere. Proprio il terzino nato a Scampia, con una zingarata offensiva a cinque dal termine e sfruttando un errore della difesa di Tramezzani, chiude il match con gol del definitivo 2-0.

Con i tre punti conquistati a Livorno, i giallorossi raggiungono quota 37 in classifica, a +11 sul Frosinone, secondo in classifica dopo il successo casalingo contro il Pescara. Quella conquistata in terra toscana è l’undicesima vittoria in campionato per il Benevento di Inzaghi (anche 4 pari e 1 sconfitta) su sedici partite. Ventisette i gol fatti, otto quelli incassati da Montipò, di cui quattro in una sola occasione contro il Pescara, in ben undici occasioni il Benevento ha chiuso il match senza subire reti.

Numeri che non possono far altro che evidenziare l’eccellente lavoro svolto fin qui da tutto il gruppo giallorosso: dal Presidente, ai magazzinieri, passando per il direttore sportivo, l’allenatore e i calciatori tutti.

Ma ciò nonostante non è ancora tempo di rilassarsi per la truppa di Inzaghi perché sabato pomeriggio al Ciro Vigorito arriverà il Frosinone e l’occasione è ghiotta per dare un ennesimo segnale a questo campionato.

TABELLINO:

Livorno (3-5-2) Plizzari; Bogdan, Gonnelli, Gasbarro (50' Porcino); Morganella, Del Prato, Luci, Agazzi, Marsura; Murilo (27' Sven Braken), Mazzeo (70' Raicevic). All. Tramezzani

Benevento (4-4-2) Montipò; Maggio, Caldirola, Antei, Letizia; Tello, Viola, Schiattarella, Kragl (71' Tuia); Coda (86' Armenteros), Sau (75' Insigne). All. Inzaghi

Marcatori: 13’ Kragl, 85’ Letizia

Ammoniti: Schiattarella, Kragl, Morganella, Sau, Coda, Gonnelli