POKER DI STREGA!

Dopo il doppio vantaggio del Benevento il Cosenza rimonta.
Fortunato Armenteros, prezioso Coda.
La Strega conquista tre punti importanti
26.04.2019 23:20 di Federica Bozzi   Vedi letture
POKER DI STREGA!

Doveva essere una partita spettacolare è così si è dimostrata.

Sono tre i minuti che servono ai giallorossi per conquistare il doppio vantaggio con Bandinelli(25’) e Caldirola(28’). Il Cosenza non si abbatte a alla fine della prima porzione di gioco ristabilisce l’equilibrio prima con Sciaudone(38’) e poi con Tutino(44’). Il primo tempo finisce Benevento 2-2 Cosenza.

Secondo tempo adrenalinico dove le due squadre si sono sfidate a colpi ripartenze e tiri in porta. Fortunatissimo goal di Armenteros(53’) che colleziona la sua seconda rete in campionato. Ci pensa Coda(81’) a ribadire la supremazia dei giallorossi che conquistano tre punti importanti. Il Palermo sente il fiato della Strega sul collo. Risultato finale: Benevento 4-2 Cosenza.

IN ATTESA DEL MATCH

Il Benevento apre la 35° giornata di Serie B ospitando il Cosenza che è in cerca dei tre punti per affacciarsi alla zona playoff.

Queste sono le partite più complicate. Troviamo un avversario che ha raggiunto la salvezza ed è determinata a ottenere qualcosa in più. Braglia ha dimostrato di essere uno dei migliori tecnici della serie B. Sarà una bella partita che noi dobbiamo vincere a tutti i costi perché significherebbe dare continuità a quello che stiamo facendo, a livello di prestazioni e di risultati. Dobbiamo cercare di vincerle. E' il modo migliore per continuare il nostro percorso senza guardare nient'altro.” ha dichiarato mister Bucchi.

In conferenza stampa Braglia ha dichiarato: "Giocheremo come abbiamo sempre fatto. Dobbiamo cercare di fare la partita e di raggiungere subito la matematica salvezza. Il Benevento è una squadra forte, tra le candidate principali al salto di categoria. Loro cercheranno di vincere la partita in tutti i modi ma noi faremo altrettanto.” Il Cosenza contro il Benevento non avrà un elemento importante: si tratta del difensore centrale Matteo Legittimo.

FORMAZIONI

Il Benevento conferma il 4-3-1-2: Montipò; Letizia, Caldirola, Antei, Gyamfi; Bandinelli, Viola, Del Pinto; Insigne; Armenteros, Coda. Fascia di capitano affidata a Lorenzo “Lollo” Del Pinto.

Il Cosenza scende in campo con il 4-3-3: Perina; D’Orazio, Dermaku, Capela, Hristov; Sciaudone, Palmiero, Bruccini; Embalo, Tutino, Baez.

PRIMO TEMPO

Prime battute di gara abbastanza equilibrate.

Dopo tre minuti il gioco deve essere stoppato a causa di un fallo subito da Del Pinto che richiede l’ingresso dei sanitari; Bucchi è costretto alla prima sostituzione facendo entrare Tello al posto del 4 giallorosso.

Dopo il pressing dei calabresi nella metà campo dei padroni di casa, parte il Benevento con Letizia che prova ad andare al tiro ma Perina fa sua la sfera.

Brividi al 17’ con Embalo che corre verso Montipò, ci pensa Antei a mandare la sfera in calcio d’angolo ma i calabresi non sfruttano l’occasione.  E’ il momento di riparte per il Benevento con capitan Viola che conquista il primo angolo per la Strega; da bandierina ci pensa Insigne ad attivare l’azione che si chiude con un secondo corner per i giallorossi, questa volta affidato a Viola, che Caldirola, di testa, prova a trasformare in goal ma incontra Sciaudone che si era profeticamente piazzato sulla linea di porta.

Al 22’ è sempre il Benevento a spingere con Coda che prova un tiro raso terra fermato da Perina.

Azione importante al 23’ per il Cosenza che può sfruttare una punizione invitante; si lancia Bruccini che aggancia la palla ma lancia sul fondo.

Il Benevento riparte e trova il vantaggio con un sinistro al limite dell’aria di Bandinelli (25’).

Benevento 1-0 Cosenza.

Ci prova ancora Bandinelli ma riesce a conquistare solo un corner che viene trasformato da Caldirola letale di testa (28’). Tre minuti sono serviti ai giallorossi per imporsi sulla formazione di Braglia.

Benevento 2-0 Cosenza

Tutino cerca di accorciare le distanze sfidando Montipò ma il portiere giallorosso riesce a far sua la sfera. Ancora Cosenza al 32’ con Beaz ma Montipò allontana; sfrutta il rinvio D’Orazio ma l’estremo difensore della Strega non si fa trovare impreparato.

Brividi per Perina: al 35’ Nicolas Viola da punizione al limite infrange la sfera sul palo. Ma che tiro ha realizzato Viola?!

Ancora una volta Montipò si fa trovare pronto sull’iniziativa del Cosenza respingendo la palla e mandandola in corner. Sullo sviluppo del tiro da bandierina, il portiere giallorosso riesce a respinge la testata di Embalo ma non può nulla contro il tiro di Sciaudone (38’).

Benevento 2-1 Cosenza.

Arriva il pareggio dei rossoblu con Tutino (43’) che fa tutto da solo riuscendo ad abbattere prima Caldirola e poi Montipò.

Benevento 2-2 Cosenza

SECONDO TEMPO

Bucchi decide di schierare Volta (Antei) per questo secondo tempo.

Primo minuto del secondo atto della partita e subito Viola si esibisce nel salto di ben tre avversari e prova il tiro che di poco manca la porta. Dopo pochi minuti sarà Coda ad impegnare il portiere rossoblu.

Volta atterra D’Orazio e regala punizione al Cosenza che affida il tiro a Baez, ma il suo destro gira sopra la porta.

Riparte il Benevento con Insigne ma respinge Perina e manda in angolo. Da bandierina Viola, Armenteros tocca fortunosamente la sfera e segna. Secondo goal di stagione per lo svedese.

Benevento 3-2 Cosenza

Viola al 61’ da calcio di punizione, conseguenza di un fallo subito da Insigne: tira direttamente in porta ma la traiettoria assunta dalla palla è troppo alta e scavalca la rete. Ci prova subito dopo anche Insigne ma spedisce in curva.

Adesso la punizione è del Cosenza (63’) a seguito di fallo di Tello su Tutino. Montipò si fa trovare pronto e agguanta la sfera.

Ancora Cosenza con D’Orazio, respinge Volta e manda in angolo per gli ospiti; Montipò si lancia in tuffo e rinvia la palla nell’angolo opposto. Parte l’azione da corner ma è sempre Montipò ad avere la meglio agguantando facilmente la sfera.

Al 75’ si registra lo scatto di Caldirola nel tentativo di sfruttare la punizione battura da Insigne ma Perina fa sua la sfera.

Brividi per i sanniti: Garritano (Palmiero) tira in porta e riesce a sorprendere Montipò ma non Tello che si fa trovare sulla linea della porta e riesce a tutelare il risultato.

Arriva il quarto goal per la Strega: Insigne serve Coda(81') che, sotto porta, si solleva e di testa allunga il vantaggio dei giallorossi.

Benevento 4-2 Cosenza

89’: Coda si esibisce in un tiro verso la porta del Cosenza; Perina respinge e Coda ribatte ma i guantoni rossoblu avranno la meglio.

Nei 4 minuti di recupero Bucchi decide di richiamare Coda per far spazio a Vokic. Standing ovation per il 9 giallorosso.

Con il triplice fischio di De Martino finisce questa gara dai ritmi elevati che ha visto la Strega trionfare e portarsi ad un punto di distanza dal Palermo.