MARCO BARONI PRIMA DI NAPOLI-BENEVENTO:"Siamo accesi, il mio pensiero è quello di cercare un'impresa al San Paolo"

 di Redazione TuttoBenevento  articolo letto 538 volte
MARCO BARONI PRIMA DI NAPOLI-BENEVENTO:"Siamo accesi, il mio pensiero è quello di cercare un'impresa al San Paolo"

Tanti assenti oggi nella seduta di metà settimana che porterà al week end che domenica si concluderà con l’atteso derby tra Napoli e Benevento al San Paolo. Le parole di Marco Baroni subito dopo la seduta per cominciare proprio a fare il punto su queste assenze:
“Ciciretti si è fermato durante la partita, ha detto di aver avuto un piccolo risentimento e quindi domani cercheremo di capire e valutare cosa ha avuto, per quanto riguarda gli altri Memushaj era semplicemente affaticato, D'Alessandro aveva i postumi di una contusione rimediata nella partita contro il Torino, e Iemmello ha un’infiammazione al tendine rotuleo che si porta dietro da un po’ di tempo e quindi ha fatto un lavoro di tonificazione muscolare. Lazaar invece ho preferito fermarlo io perché ho visto che non correva bene perché mi ha detto che aveva un problema ad un tallone e quindi vedremo di valutare anche lui, Venuti è rimasto fermo precauzionalmente, mentre Costa non sarà disponibile per le prime 2 contro Napoli e Roma proviamo a recuperarlo per la terza contro il Crotone.”

Parliamo del Napoli prossimo avversario, reduce dalla sconfitta in Champions contro lo Shakthar D…
“Le qualità del gioco del Napoli non le scopriamo certamente oggi, è una partita difficile, complicata, contro una squadra che cerca di avere sempre il dominio del gioco provando poi spesso di giocare la palla in verticale e in velocità. Per noi può sembrare proibitiva, ma la bellezza di queste partite è anche il clima e l’ambiente che troveremo e la possibilità di misurarsi a questi livelli. Tornerò a Napoli da allenatore dove ho vinto uno scudetto in una città che vive di calcio, è un ricordo straordinario ed indelebile ma il mio pensiero è quello di cercare un impresa in questo campo con una partita che alla mia squadra chiederò di fare piena tosta e gagliarda. Il calcio è molto cambiato da quel Napoli in cui giocavo io e credo sia impossibile fare paragoni, i valori tecnici come quelli tattici sono cambiati, come anche i campioni. E’ importante che il Napoli stia costruendo qualcosa per ritornare a vincere e lo dico da esterno. Ma ripeto adesso sono molto concentrato sulla partita che deve fare la mia squadra, una partita di coraggio, di grande intensità, che sono i valori che dobbiamo mettere in questa gara, insieme all’attenzione. Questo è lo spirito di chi vuole affrontare una partita come questa con il piglio giusto."

Purtroppo il Benevento è ancora a zero punti anche se nelle prime uscite ha dimostrato belle trame di gioco…
"E’ questo è quello che ci dispiace di più, perché in queste prime 3 gare abbiamo giocato spesso alla pari e a volte siamo stati anche superiori ai nostri avversari. Non sono abituato a piangermi addosso, e queste partite ci sono servite per capire gli errori che stiamo commettendo che non sono tanti ma che dobbiamo evitare. Abbiamo anche sciupato tante situazioni e quindi con un pizzico di attenzione e concretezza in più sono convinto che questa squadra troverà il modo di fare punti. Credo che un po’ di turnover nelle prossime 3 gare ci sarà più che altro anche rispetto a qualche giocatore che avrà più difficoltà di qualche altro a fare le 3 partite, ma è ovvio che a prescindere da questo dobbiamo fare una partita importante e tenere per 90 minuti e più. Bisogna mettere grande tensione e attenzione in qualsiasi frangente.
Subire un gol nel recupero come domenica e non avere neanche il tempo di reagire è stata dura ma questo ormai fa parte del passato e ci serve per migliorare. Loro hanno talmente tante soluzioni che non credo che avranno problemi a giocare dopo il turno di Champions, giocano a memoria, hanno tanto entusiasmo e hanno trovato un filo conduttore nel gioco. Noi dobbiamo guardare in casa nostra, perché abbiamo fatto buone partite ma non siamo riusciti a fare risultato, ma questo non ha minato la nostra voglia, la fiducia e l’impegno nel lavoro settimanale. Tra l’altro siamo tra le prime squadre per tiri effettuati e non ne abbiamo subito parecchi, il gol con il Torino è il primo che prendiamo a difesa schierata, non c'erano le condizioni per prendere gol e invece lo abbiamo preso perché in serie A può succedere perché ci sono giocatori che attraverso soluzioni inaspettate possono farti sempre gol come una palla inattiva o un tiro da fuori. Insomma anche con la partita perfetta in serie A può capitare di prendere gol. Ma siamo accesi, siamo pronti a sacrificarci, subiamo poco e creiamo diverse occasioni. Credendoci tutto questo ci porterà a fare risultati."

Il pubblico crede nel Benevento e nel lavoro di Marco Baroni

"L'allenatore vive di lavoro quotidiano, non di ombre. L’applauso spontaneo del pubblico alla fine della gara con il Torino ci ha fatto piacere perché era rivolto a caldo verso una squadra che aveva dimostrato di giocarsela alla pari e che certamente avrebbe meritato di più, per come aveva giocato, per quello che aveva dato e per quanto aveva corso. Un applauso che ci ha dato la possibilità e la forza di rimboccarci subito le maniche e ripartire come successo anche lo scorso anno nei momenti più difficili, e sapete poi come è andata a finire. Quindi sono contento per quello che pensano i tifosi, e li ringrazio, ma perché hanno fiducia nella squadra e non solo nell’allenatore che è un ingranaggio della squadra."

Di nuovo sulla gara di domenica…
"Ho grande curiosità rivolta verso la mia squadra e di come affronteremo questa gara, dobbiamo provare a fare quello che sappiamo fare bene senza perdere le nostre certezze. Loro di certezze ne hanno tante, ma noi non dobbiamo perdere le nostre assolutamente perchè sarebbe l'errore più grande."

Ultimo passaggio sui tifosi che non potranno assistere per il momento in massa al derby per l’esiguità dei biglietti messi a disposizione…

"È una festa per entrambe le squadre, riportiamo un derby nella regione, sarà una battaglia in campo ma fatta di lealtà e rispetto. Mi auguro che alla fine i tifosi del Benevento abbiamo tutti i biglietti che vogliono anche perché i nostri tifosi hanno dimostrato sempre di essere un pubblico corretto e sereno e avrebbero tutto il diritto di vivere una giornata da ricordare e da incorniciare."