VIGORITO: “VOGLIAMO TORNARE IN SERIE A PER RESTARCI: NON SAREMO UNA METEORA”

Il numero uno giallorosso, inoltre, dice la sua su una possibile sinergia con il Napoli, sulle ambizioni del sodalizio sannita e sull'incredibile momento dei fratelli Inzaghi.
17.02.2020 16:44 di Gerardo De Ioanni   Vedi letture
© foto di Carlo Giacomazza/TuttoSalernitana.com
VIGORITO: “VOGLIAMO TORNARE IN SERIE A PER RESTARCI: NON SAREMO UNA METEORA”

Intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss, il Presidente Oreste Vigorito, ha commentato l’annata d’oro del suo Benevento, sempre più vicino al ritorno in serie A: “Lo scorso campionato ci siamo andati vicini, arrivando alla semifinale. Ai ragazzi dissi subito di non piangere troppo e di godersi le vacanze perché ci avremmo riprovato l’anno seguente. Anche l’anno scorso avevamo i numeri per salire in A, ci è mancata solo una componente: quella consapevolezza che abbiamo acquisito in questa stagione. Tutto il Benevento, da Vigorito allo staff passando per i calciatori, vuole tornare in Serie A per restarci, non certamente per essere una meteora”.

Il massimo dirigente sannita si concentra in seguito sull’ipotesi di collaborazione con il Napoli: “I matrimoni si fanno in due. Possiamo anche fare i promessi sposi ma poi ci vuole Don Abbondio…Personalmente sono per le società, non potrei mai rifiutare una collaborazione con un club come il Napoli”.

Il modello da seguire è, però, uno soltanto: “Vogliamo fare al Sud quello che l’Atalanta fa al Nord. La società bergamasca sta dimostrando di voler far calcio, eppure dieci anni fa era in B. Noi sono dodici anni che lavoriamo per strutturarci in un certo modo. Ci ispiriamo ai nerazzurri, vogliamo seguire il loro esempio e arrivare dove sono arrivati loro”.

Magari insieme a quel Pippo Inzaghi che sulla panchina giallorossa sta facendo meraviglie. Così come il fratello Simone su quella della Lazio: “I fratelli Inzaghi sembra stiano facendo a gara tra di loro a chi fa meglio. La Lazio sta facendo un campionato incredibile. Noi stiamo facendo molto di più di quanto potessimo immaginare”.