PASQUALE FOGGIA SA STREGARE!

Sono molti i nomi sul taccuino di Pasquale Foggia.
Se per gli altri luglio è il mese dei saldi, in casa giallorosso è il mese dei sogni!
11.07.2018 17:51 di Federica Bozzi  articolo letto 698 volte
PASQUALE FOGGIA SA STREGARE!

Prendete una Strega, immaginatevi al suo cospetto un trio come quello formato da Foggia-Bucchi-Vigorito e lo spettacolo è servito…altro che BCT e Ronaldo alla Juve (ok, forse ho esagerato!!!)

Dopo un inizio di calciomercato con il botto per il Benevento, la missione per Pasquale Foggia è solo al primo livello: farà di tutto per accontentare il Presidente e regalare a mister Bucchi una rosa competitiva pronta a dominare la Serie B.

Sono tanti i nomi che fanno venire l’acquolina in bocca…

Insieme alle canzoni dai ritmi latini, in città torna un altro tormentone estivo: di Antonino Ragusa. L’esterno classe ’90 del Sassuolo resta sulla lista dei desideri dei giallorossi che lo avrebbero voluto già nella scorsa stagione.

Intanto la società di patron Vigorito ha incassato l’ok di Roberto Insigne: da tempo è stata raggiunta l’intesa tra la dirigenza sannita ed il procuratore Enzo Rajola per l’ingaggio ma si sta studiando con il Napoli le modalità per il trasferimento. In pole position sembrerebbe esserci la formula del prestito con riscatto.

Sarebbe stato stregato anche Marco Capuano: il difensore classe ’91, vincolato fino al 2019 al Cagliari, avrebbe manifestato la volontà di trasferirsi su terraferma. Appena il club rossoblu troverà un degno sostituto si potrà formalizzare il passaggio all’ombra della Dormiente del Sannio.

Attenzione anche per i pali dove si pensa al profilo del portiere della nazionale Under 21 Lorenzo Montipò; in queste ore si sta dialogando con il Novara, che ne detiene il cartellino, per perfezionare un prestito con diritto o obbligo di opzione.

Non era un segreto che Berat Djimsiti fosse tanto piaciuto nella scorsa stagione tanto da spingere la società sannita a riaprire il dialogo con l’Atalanta per un suo ritorno in giallorosso sebbene il prezzo da pagare sarebbe la cessione di Brignola, ma per il momento queste restano chiacchiere da spogliatoio.