SI RITORNA PALLA AL PIEDE...IN ATTESA DEL LIVORNO

Lunedì 22 ottobre riprende il cammino del Benevento lungo questo tormentato campionato di Serie B 2018/2019.
In attesa del match casalingo contro il Livorno analizziamo la situazione
18.10.2018 15:13 di Federica Bozzi  articolo letto 113 volte
SI RITORNA PALLA AL PIEDE...IN ATTESA DEL LIVORNO

Dopo il lungo stop del campionato finalmente si torna in campo.

Ancora un serale per il Benevento che dovrà affrontare, nel posticipo casalingo di lunedì, il Livorno.

Aria tesa in terra toscana dove il Livorno è confinato ai piedi della classifica con solo 2 punti in 6 gare, conquistati a suon di pareggi a Venezia e Cosenza.

Mister Lucarelli dovrà fare i conti non solo con una classifica poco generosa ma anche con qualche problemino muscolare per Porcino e Gasbarro che hanno svolto, nella ripresa degli allenamenti in vista della trasferta sannita, un lavoro differenziato.

I toscani hanno bisogno di conquistare la prima vittoria per dare una svolta alla classifica e rincuorare gli animi e sperano che la Strega, apparsa affaticata e disorganizzata, inciampi anche questa volta.

In quel di Benevento mister Bucchi deve rifarsi per le pessime prestazioni offerte contro il Foggia ed il Pescara cercando di dare organizzazione al gioco dei suoi che sono apparsi smarriti e poco agguerriti.

Tanta la volontà da parte dei giocatori di conquistare nuovamente la vittoria e puntare ai vertici della classifica ma solo il terreno di gioco dimostrarà se siamo davanti ad una problematica tecnica od una crisi psicologica della squadra.

Quella di lunedì sarà l’occasione per Bucchi per riconquistare quella parte di pubblico che, dopo la doppia delusione, inizia a mormorare, e si sa che in questi casi si punta il dito sempre contro l’allenatore.

Permettetemi una breve parentesi polemica: è vero che le streghe uscivano di notte in sella alle loro scope ma la Serie B 2018/2019 ha preso troppo seriamente questa leggenda facendo giocare i giallorossi quasi sempre in serata; sarà che il nostro stadio è uno dei pochi ben strutturati da consentire, anche con il buio, un’ottima condizione di gioco?