5^ giornata d'andata: BENEVENTO-Pro Vercelli 1-1 (4°p.t. Iemmello; 17°s.t. Vacca su rig.) SOLO UN PAREGGIO, E QUESTA VOLTA SENZA APPLAUSI!

Un punto "strappato" ai bianchi piemontesi: forse anche troppo per i giallorossi, mai in partita e stavolta nemmeno gli applausi del pubblico a fine gara...
02.10.2011 18:15 di Marcello Mulè  articolo letto 1211 volte
5^ giornata d'andata: BENEVENTO-Pro Vercelli 1-1 (4°p.t. Iemmello; 17°s.t. Vacca su rig.) SOLO UN PAREGGIO, E QUESTA VOLTA SENZA APPLAUSI!

BENEVENTO (4-4-2): Baican; Pedrelli, Siniscalchi, Signorini, Anaclerio; D’Anna (Pintori), Grauso (De Risio), Rajcic, Cia; Cipriani, Sy (Vacca). A disp.: Mancinelli, Candrina, Rinaldi, La Camera. All.: Gianni SIMONELLI

PRO VERCELLI (4-3-1-2): Valentini; Cancellotti, Ranellucci, Masi, Armenise; Rosso, Murante,  Marconi;  Disabato (Germano);  Iemmello (Malatesta), Di Piazza (Santoni). A disp.: Dan, Nocciola, Tonasni, Tripoli. All.: Maurizio Braghin.

 ARBITRO: Amerigo Aloisi di Avezzano; assistenti Pignone di Empoli e Genovese di Rossano Calabro.

MARCATORI: 3°p.t. Iemmello (PV); 17* s.t. Vacca su rigore (BN)

Ammoniti: Signorini, Siniscalchi e Cipriani per il Benevento; Cancellotti, Rosso e Valentini per la Pro Vercelli..

Espulsi: 17° s.t. Tripoli direttamente dalla panchina (PV).

Angoli:  9 -3 per il Benevento.

Recupero: 5' primo tempo; 5' secondo tempo.

Note: Spettatori paganti 3.375 per un incasso non comunicato. Terreno di gioco in buone condizioni, pomeriggio caldo e ventilato. Qualche tifoso ospite nell'anello inferiore della tribuna centrale.

Benevento -  Ancora un pareggio: stavolta però non aggrappiamoci a nulla. Un Benevento brutto ed assolutamente lontano dall'essere un abbozzo di squadra. Soltanto un calcio di rigore - e meno male! - non proprio limpido ha levato le castagne dal fuoco a Gianni Simonelli che davvero non avrà creduto ai suo occhi nel vedere una prestazione del genere dei suoi ragazzi. Squadra mai in partita, lenta, senza idee, addirittura inpacciata nel fraseggio, lenta nelle ripartenze evanescente nella rifinitura. Qualche singolo che sembrava la controfigura del calciatore conosciuto. Quinta partita di campionato, ancora una mini rivoluzione nella settore nevralgico di una squadra che non riesce a trovare la giusta quadratura, colpa forse di questo continuo turn-over che , probabilmente, non favorisce il perfezionamento di certi meccanismi che risultano troppo lenti ed imprecisi. Di fronte, quest'oggi, i bianchi della Pro Vercelli: Braghin chiude tutti i varchi ai giallorossi con rare sbavature di una difesa ermetica e rapidissimi contropiedi del trio d'attacco, che ha fatto davvero vedere le streghe (!) a Siniscalchi e compagni.

Primo tempo. Pronti via, bianchi ospiti in vantaggio: al terzo minuto svarione di Siniscalchi e Iemmello insacca, dopo aver vanificato un primo miracolo di Baican. 1 a 0 per la Pro Vercelli. Il Benevento non reagisce neppure e per oltre dieci minuti tenta solo sterili e lente manovre, senza concludere. Al tredicesimo ecco Cia, ma è solo un tiro velleitario. Al dodicesimo è Rossi a provare i riflessi di Baican su calcio di punizione, con palla deviata al lato. Al quattordicesimo ancora una errore della retroguardia giallorossa, stavolta con Signorini, ma per fortuna è nulla di fatto. Al quattordicesimo ancora ci prova Murante su calcio franco, palla alta. Al diciannovesimo azione dubbia ina rea piemontese, l'arbitro lascia correre. Ventunesimo, prima vera palla goal per il Benevento: Valentini compie una prodezza su colpo di testa di Cipriani. Dopo cinque minuti è ancora l'attaccante sannita a spizzare di testa ma è facile per il pipelet ospite. Al trentasettesimo esce D'Anna per infortunio ed entra Pintori. Al quarantesimo azione in velocità del Benevento ma Pintori con il piattone alza troppo sulla trasversale. Si rivedono i bianchi dalle parti di Baican che però anticipa tutti e sbroglia. Al cinquantesimo, quinto minuto di recupero, calcio di punizione per il Benevento dal limite. Tutto pronto, ma al momento del tiro Aloisi manda tutti negli spogliatoi tra i fischi del pubblico e le vibrate proteste dei calciatori padroni di casa. Troppo poco, davvero troppo poco quanto fatto per spaventare la Pro Vercelli.

Seconda frazione. Parte subito avanti la Pro Vercelli che dopo poco più di un minuto impegna Baican con un colpo di testa di Disabato. Ancora l'undici ospite impaurisce Baican in contropiede, su errato appoggio di Rajcic. Una incursione di Cipriani al quattordicesimo, anticipa di poco l'episodio del pareggio. Al quindicesimo, l'attaccante bolognese viene ostacolato appena entrato in area. Il segnalinee sotto la tribuna segnala ad Aloisi che è rigore. Vibrate proteste degli ospiti che costeranno anche l'espulsione di Tripoli dalla panchina. Dopo quasi due minuti, Antonio Vacca va sul dischetto e batte Valentini: è il pareggio per i giallorossi. Al ventunesimo Pintori lanciato sulla corsia sinistra viene affrontato alle spalle da un difensore ospite e cade a terra: Aloisi lascia correre. Al trentaduesimo Murante prova con un pallonetto a beffare Baican, ma la palla termina sulla parte alta della rete. Benevento in confusione e sia De Risio che Rajcic non riescono a far filtrare palloni utili per Cipriani. Bianchi ospiti stanchi ed un tantino schiacciati all'indietro, ma i giallorossi sono senza idee e le gambe sembrano molli. Al quarantaquattresimo ultimo sussulto per gli ospiti che provano ancora ad impensierire Baican, ma Pedrelli salva in corner, di coscia. Non servono a nulla i cinque minuti di recupero, il Benevento si arena sul terzo pareggio consecutivo, il secondo in casa.

Qualche fischio e tanta delusione per i tifosi, ma oggi il pareggio è un buon punto guadagnato per i giallorossi, per quanto espresso dalla squadra. Non si perde ed è un buon segnale, ma non si vince più e questi punti alla fine peseranno come macigni. Domenica a Terni, bisognerà cambiare assolutamente registro.