De Zerbi e il suo Sassuolo vincono al Vigorito, lasciando il Benevento con l'amaro in bocca per quel finale dove Consigli si è superato in più di un'occasione dicendo no al pareggio dei giallorossi che alla fine l'avrebbero anche meritato. Al termine della gara, le parole in sala stampa dei protagonisti: De Zerbi, Inzaghi e Montipò.

De Zerbi (allenatore Sassuolo)

"Dispiace aver dato un dispiacere a delle persone a cui sono riconoscente, perché qui a Benevento sono stato bene. Spero che dalla prossima partita possano fare quelle 2/3 vittorie che permetteranno loro di rimanere meritatamente in questa categoria. Sono contento di come abbiamo giocato, una partita vera, di qualità, per questo ho fatto i complimenti alla squadra. Nella prospettiva del miglioramento credo che queste partite bisogna chiuderle prima perché se tieni aperte le partite che potevi chiuderle prima, poi rischi fini a 5 minuti dalla fine con la palla che va sempre in aria. Qui è un campo difficile per chiunque, quello che mi dispiace che siamo una squadra piena zeppa di talenti, che deve ancora trovare la consapevolezza di forza e qualità. Questo non mi rende gratificato e felice, anche se sono 2 anni che costantemente siamo ottavi in serie A, ma ci rimane semprel’amaro in bocca, perché siamo consci che potremmo fare di più tutti lo sappiamo, ma facciamo fatica ad esprimerlo partendo da me, bisogna avere consapevolezze di forza e qualità.Il Benevento non muore mai, proprio per questo quando hai le occasioni devi fare gol, altrimenti rischi.Gli obiettivi per il futuro? Vincere sabato con la Fiorentina e fare altri 3 punti. Con Pasquale, il Presidente, le figlie del Presidente e tutto lo staff del Benevento è stato un anno che ha segnato tutti, sono felice di aver vinto, ma allo stesso tempo mi dispiace perché porto via tre punti a gente che voglio bene e a cui auguro di arrivare presto a fare quei punti che servono per la salvezza."

Montipò’ (portiere Benevento Calcio)

"C’è tanto rammarico, loro sono più forti, lo dice anche la classifica, ma alla fine, abbiamo subito un gol dando troppo spazio al migliore dei loro, credo che abbiamo perso un punto, perché il migliore in campo per loro è stato Consigli. Non credo che siamo stati timorosi, non andiamo più allo sbaraglio come facevamo all’inizio, puntiamo alla compatezza. L’avevamo preparata per aspettarli e provare a ripartire, peccato per come è andata. Dispiace che in casa non ci riesce ad essere un fortino, sicuramente con il tifo avremmo in casa un altro andamento, ma questo non vuole essere una scusa. Al momento ci servono 10 punti per raggiungere il nostro obiettivo, speriamo di poterli fare presto cominciando anche nelle prossime 2 trasferte ravvicinate. Quella con la Lazio è una partita complicata, l’affronteremo cercando di trovare quella compatezza che abbiamo da tempo, cercando di portare a casa dei punti come fatto anche altre volte. Non mi interessa contro chi faremo i punti che ci servono, l’importante è farli e anche presto. Sulla traversa di Boga, ho toccato il pallone. La Lazio è un grande avversario che si sta giocando la Champions, ma in trasferta abbiamo dimostrato di poter fare punti con chiunque."

Inzaghi (allenatore Benevento Calcio)

"Primo tempo equilibrato, ma Montipo’ non ha fatto parate, ovviamente non va preso un gol come quello di Bogà. Poi ci si è messo Consigli, che fa miracoli, però penso che alla fine con un pareggio non avremmo rubato niente. 8 punti di vantaggio a 8 dalla fine sono un buon vantaggio, a patto che già dalla prossima ricominciamo a fare punti. Mi fa piacere per il premio che ho diviso con la società, con tutto il mio staff e avrei voluto dividerlo anche con i tifosi, ma noi dobbiamo concludere il nostro percorso, sono arrivato qua 2 anni fa, abbiamo fatto un cammino strepitoso, abbiamo stupito tutti, ma per salvarsi dovremo andare a 200 all’ora, ci servono 7/8 punti per raggiungere quell’obiettivo che ci siamo prefissati. Con tutta La Rosa a disposizione, avrò la possibilità di raggiungere un traguardo che sognano e che vogliamo tutti. Oggi è tornato Letizia e abbiamo visto cosa ci può dare, Iago Falque, inoltre non ho potuto mettere Insigne che ci ha dato tanto. La pressione penso che la debbano avere di più quelli che devono inseguire, noi dobbiamo avere paura, non vedo neanche nessun giocatore impaurito, con il Sassuolo si può perdere, ma poi siamo stati bravi a reagire, ma complimenti a Consigli che ogni volta che gioca contro di noi fa miracoli e dimostra di valere la nazionale e complimenti anche a loro. Non dovevamo prendere quel gol preso in quel modo, con 4 giocatori schierati, è stata un’ingenuità, ma ci servirà per crescere. Ovviamente nella ripresa, abbiamo rischiato ma credo che alla fine se avessimo pareggiato non avremmo rubato nulla. Sono convinto che la squadra abbia tutte le potenzialità per raggiungere la salvezza che per noi sarebbe un risultato incredibile."

Sezione: SALA STAMPA / Data: Mar 13 aprile 2021 alle 00:19
Autore: Redazione TuttoBenevento
Vedi letture
Print