MAGGIO: "L'ANNULLAMENTO DEL CAMPIONATO SAREBBE UN BEFFA PER NOI. IL MIO FUTURO? VI SPIEGO"

24.03.2020 16:53 di Gerardo De Ioanni Twitter:    Vedi letture
MAGGIO: "L'ANNULLAMENTO DEL CAMPIONATO SAREBBE UN BEFFA PER NOI. IL MIO FUTURO? VI SPIEGO"

Il capitano giallorosso, Christian Maggio, è intervenuto nel primo pomeriggio ai microfoni di Kiss Kiss Napoli.

Logicamente, e non poteva essere altrimenti, l’argomento principale è stato quello relativo al Coronavirus. Nel corso dell’intervista Superbike ha, però, parlato anche dell’eventuale proseguo del campionato e del suo futuro.

Queste le sue parole:

EMERGENZA CORONAVIRUS – “Io sono a Napoli, qui al Sud la situazione è importante ma ancora sotto controllo diciamo. I miei fratelli sono a Vicenza e mi raccontano di ambulanze che passano ogni minuto e di persone che corrono verso gli ospedali. Bisogna seguire le regole, solo così si potrà uscire da questa situazione.

Sì, ho letto del caso Atalanta – Valencia. Noi abbiamo giocato l’ultima gara col Pescara. Loro entrarono in campo con la mascherina perché alcuni avevano avuto l’influenza. Il dubbio ti viene, per fortuna stiamo tutti bene”.

IL CAMPIONATO - “Al momento è difficile dire quando si potrà riprendere. Personalmente, però, credo che il campionato debba finire. L’importante ora, però, è superare questa emergenza. È una situazione complicata e siamo vicini alle persone che stanno passando momenti difficili.

Non riprendere e annullare il campionato sarebbe una beffa per noi visto quello che abbiamo fatto. Al di là del Benevento, si deve riprendere anche per delineare la Serie A, le squadre che dovranno andare in Europa e chi vince lo scudetto. Riprendere è importante, se si può si deve continuare anche per le società che investono molto. Il nostro Presidente anche quest’anno ha investito tanto e annullare questo campionato sarebbe un danno enorme anche dal punto di vista morale”.

FUTURO – “Il direttore Foggia in più occasioni mi si è avvicinato per vedere il da farsi. Ne parliamo spesso. Gli ho chiesto di lasciarmi tranquillo perché l’unica cosa che volevo e voglio fare è riportare insieme ai miei compagni il Benevento in A. Del mio futuro ne parleremo dopo. A Benevento sto bene ma voglio riflettere ancora un po’. Certamente so bene che non devo andare per le lunghe perché la società deve organizzarsi. Una cosa è sicura, però, se continuo a giocare lo faccio col Benevento”.