Ecco le parole di un deluso Pippo Inzaghi al termine della debacle dello Scida: "Partita difficile da commentare, cercherò di rivederla, anche perché quando mi hanno dato i numeri e mi accorgo che abbiamo fatto 17 tiri in porta e ne abbiamo presi 3, tirato tantissimi calci d’angolo e giocato spesso nella loro metà campo, diventa difficile commentarla. Bisogna diventare più cattivi, fare più gol, non possiamo terminare sempre le partire con i loro portieri che sono i migliori in campo e noi che perdiamo. Aver fatto 60 tiri in porta in totale tra Sassuolo, Milan e Crotone e fare un solo gol su autorete non va bene. Prima dell’inizio del campionato ci davano tutti già per retrocessi adesso in Europa L. Mentre io dico che sarà difficilissimo salvarsi e che dobbiamo scendere di nuovo sulla terra. Da domani ripartiamo, perché venerdì è una partita troppo importante. Non sono preoccupato, anche perché la squadra su ogni palla trova una occasione da rete, come successo nel primo tempo. Il Crotone è andato 1 volta e mezzo nella nostra metà campo e ha trovato 2 gol, sono episodi, come anche il fallo su Tuia che comunque è una occasione dubbia.Il risultato ti inchioda alle tue responsabilità, quindi orecchie basse e si ritorna a Benevento. La classifica ci sorride, ma bisogna essere più cattivi, l’unico handicap, è quello di portare 4/5 volte un giocatore davanti al portiere, e non segnare. Su questo dobbiamo assolutamente migliorare. Insigne ha preso una botta dal difensore subito dopo l’occasione fallita, speriamo di recuperarlo. Quando perdi queste partite c’è tanta rabbia. Non so cosa sia successo sull’espulsione di Sau, ma è una espulsione da non prendere. Le partite sono condizionate da episodi, e noi dobbiamo tornare ad essere quelli che in 7 partite hanno preso solo 3 gol. Ripeto questa è una partita difficile da commentare, ma adesso abbiamo ancora 8 punti sulla zona retrocessione, ma bisogna stare attenti perché le altre dietro di noi sono forti e ci vuole un attimo a trovarti li ed essere risucchiato. Complimenti al Crotone, sono stati più bravi di noi, ma questa partita ci farà crescere. Per quanto riguarda il mercato non ci penso, anche perché con la società ci parliamo tutti i giorni e abbiamo le idee chiare, vediamo che succederà, a me interessa la partita di venerdì. Iago Falque ci deve far fare la differenza perciò l’abbiamo preso, ma non possiamo mandarlo dentro senza una condizione accettabile. Oggi aveva 20 minuti nelle gambe e quindi l’ho inserito, come avrei voluto inserire anche Viola, ma poi con Ionita e Improta ammoniti non ci sono riuscito. Contiamo tantissimo sui Iago Falque e su Viola, che sarà un rinforzo importante per gennaio se continuerà ad allenarsi come fatto in questa settimana."

Sezione: SALA STAMPA / Data: Dom 17 gennaio 2021 alle 18:08
Autore: Redazione TuttoBenevento
Vedi letture
Print