INZAGHI: “PROMOZIONE ORMAI IN TASCA, ORA GIOCHIAMO PER LA STORIA”

24.06.2020 16:48 di Gerardo De Ioanni Twitter:    Vedi letture
INZAGHI: “PROMOZIONE ORMAI IN TASCA, ORA GIOCHIAMO PER LA STORIA”

La sfida con l'Empoli, in programma per venerdì sera al Castellani, può significare per il Benevento, in caso di successo, l'ottenimento della matematica promozione in serie A. Della sfida con i toscani e di altro ha parlato il tecnico dei sanniti, Pippo Inzaghi, nella consueta conferenza stampa di presentazione del match. Queste le sue parole: 

CONDIZIONI - "Spero e penso che potremo recuperare Kragl e Letizia. Per Nicolas (Viola n.d.r.) dobbiamo ancora aspettare; speriamo di recuperarlo al più presto. Alla fine ci saremo quasi tutti. La condizione della squadra è buona. A Cremona mi ha stupito. Quella di Empoli è un'altra partita complicata, vediamo se i miei ragazzi riusciranno a stupirmi ancora una volta".

ATMOSFERA - "Il discorso promozione è stato archiviato a Cremona; ora giochiamo per la storia. Probabilmente nemmeno noi ci rendiamo conto di quello che stiamo facendo. Abbiamo l'occasione di andare in A già venerdì con otto partite di anticipo. Stiamo scrivendo la storia. Chiaramente non dovremo sottovalutare l'Empoli che è una signora squadra ma ormai i ragazzi ci hanno abituato a tutto e non mi stupirei se ci regalassero un'altra grande soddisfazione".

RECORD- "Al di là dei record, devo cercare sempre qualche appiglio per tenere alta la concentrazione. L'altro giorno abbiamo eguagliato altri record ma non li abbiamo superati (vittorie esterne consecutive e complessive n.d.r.). Giocheremo per questo, per raggiungere altri record come quello dei 74 punti del Como ad esempio, che è a un passo. Sono contento per questi ragazzi, sapevo che anche altre squadre avevano costruito una rosa forte e che poteva essere un campionato equilibrato che, noi però, abbiamo reso straordinario e fatto apparire semplice. L'unico rammarico è che non si potrà festeggiare come speravamo e come meritavamo".

FORMAZIONE  - "Tuia, Insigne e Sau possono giocare dal primo minuto. Molto probabilmente Sau giocherà e potrebbe farlo anche con Improta; vedremo come ci schiereremo. Se giochiamo con entrambi ci mettiamo 4-4-2. Ma non credo sia stato il sistema di gioco ad averci fatto vincere il campionato, bensì l'atteggiamento e la mentalità".

MOMENTO FONDAMENTALE DELLA STAGIONE - "Credo che la svolta sia stato il ritiro; credo sia lì che si sia creato questo gruppo vincente e nemmeno le prime difficoltà, come la sconfitta in Coppa, sono state capaci di scalfirci. Sono stati l'atteggiamento e la mentalità a fareCi vincere il campionato". 


OBIETTIVI FUTURI - "Chiaramente il primo obiettivo è mantenere la categoria. Questa è una società ambiziosa e sappiamo bene quello che vogliamo fare insieme. Arriveranno anche momenti difficili ma con questa mentalità si supereranno insieme".

PRIMA AVVENTURA AL SUD - "Ero curioso anche io di venire al Sud e vedere com si vive il calcio qui. Ero stato sempre nelle vicinanze di Piacenza. La stagione è andata come è andata; la differenza non la fa nord o sud ma la società che vai ad allenare e ciò che ti viene messo a disposizione".