Anche stavolta la Juventus non riesce a vincere la quarta partita di fila, anzi esce perfino sconfitta in casa dal Benevento che non vinceva dal 6 gennaio: decide il gol di Gaich a venti minuti dalla fine, vani gli assalti bianconeri. Non riesce dunque Pirlo, alla seconda sconfitta interna stagionale, a riavvicinare l’Inter ferma per Covid, che resta lontana 10 punti in classifica.

JUVENTUS-BENEVENTO 0-1 

MARCATORE: 69' Gaich

JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Danilo, Bonucci, De Ligt, Bernardeschi; Chiesa, Arthur (73' Bentancur), Rabiot (73' McKennie), Kulusevski; Morata, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo

BENEVENTO (3-5-2): Montipò; Tuia, Barba, Caldirola; Improta, Hetemaj (83' Dabo), Viola, Ionita, Foulon (73' Tello); Lapadula (73' Lapadula), Gaich (83' Di Serio). All. F. Inzaghi


Ammoniti: Tuia (B), Bernardeschi (J), Barba (B), Tello (B), Bentancur (J)

Nella 28esima giornata di Serie A, la Juventus perde per 1-0 con il Benevento all'Allianz Stadium: decide un gol di Gaich al 69', su grave errore in disimpegno di Arthur. La squadra di Andrea Pirlo, che reclama un rigore per un intervento molto dubbio di Foulon su Chiesa poco dopo il gol degli ospiti, con questo ko sembra allontanarsi in modo irrimediabile dallo scudetto.  

Nel primo tempo il Benevento si chiude bene e nella prima mezzora la Juve crea occasioni solo con Ronaldo (a lato di poco), Danilo (tiro fermato da Barba) e Morata (para Montipò), mentre gli ospiti si rendono pericolosi in particolare con un'incursione di Ionita. Poi, intorno alla mezzora, l'arbitro Abisso concede prima un rigore alla Juve per un presunto mani di Foulon, e poi lo toglie dopo averlo rivisto al Var, e subito dopo Morata calcia alto di sinistro da buonissima posizione. 

Nella ripresa, la squadra di Pirlo sembra farsi prendere subito dall'affanno di dover segnare, e non riesce a giocare con lucidità, riuscendo a fare il primo tiro verso la porta del Benevento con Ronaldo al 66', un destro di poco a lato. Un minuto dopo è Montipò invece a salvare la sua porta su una deviazione di Barba a rischio autogol. Sono le premesse per il gol del vantaggio della squadra di Filippo Inzaghi, grazie a Gaich, che sfrutta un erroraccio in disimpegno di Arthur. Subito dopo il gol subito, la Juve reclama un rigore per un intervento scomposto di Foulon su Chiesa, ma Abisso e il Var non intervengono. Poi i padroni di casa ci provano con un sinistro alto di Bernardeschi, con un destro di Bonucci che finisce fuori di molto, con un'incursione di Ronaldo sventata in angolo dal portiere del Benevento e poi con una rovesciata di CR7 che finisce fuori. Negli assalti finali della Juve, la difesa del Benevento resiste compatta ai tentativi di Morata, Ronaldo, Bonucci e Danilo. 

Fonte: Calciomercato.com

Sezione: CAMPIONATO / Data: Dom 21 marzo 2021 alle 22:01
Autore: Redazione TuttoBenevento
Vedi letture
Print